A Ribera (AG) in scena la manifestazione “Uomini & Sport”

Si è svolta a Ribera (AG), presso la sala convegni “Emanuela e Giovanni Ragusa”la manifestazione “Uomini & Sport” manifestazione fortemente voluta dal Centro Provinciale Libertas Agrigento presieduto dal Amabile Bonafede e dall’assessore allo sport del comune di Ribera avv. Francesco Montalbano per dare un giusto riconoscimento a quelle realtà che da anni si impegnano nella promozione sportiva sul territorio.

Le motivazioni del Premio sono volutamente differenti, alcune specificatamente di carattere sportivo altre di natura sociale. Il senso va ricercato nell’obiettivo della promozione sportiva, nel tentativo di mettere tutti nella condizione di accedere al mondo dello sport, non come campioni ma come cittadini consapevoli.

Si sono avute quattro premiazioni distinti e complementare:

Il premio Uomini & sport riservato a chi giornalmente trasmette i sani valori dello Sport e dell’educazione ai propri allievi è andato a:

Vincenzo Montalbano (calcio), Fabrizio Marchese (Nuoto/Corsa), Angela Vella e Rossana Lo Giudice (burraco), Carmelo Tortorici (pesca sportiva), Roberto Ruvanzeri (Benessere Corporeo), Anna Presti (pallavolo femminile), Luigi Russo (Pallavolo maschile) Francesco Talluto (calcio), Flavio Faraci (basket), Gianfranco Sferra (aerobica/fitness), Antonino Ruvolo (boxe), Ursula Cottone Fontanelle (danza), Gaetano Taormina (ginnastica), Marco Barone (cinofilia), Maurizio Lino (tiro a segno).

Il premio agonisti riservato a chi si è distinto a livello regionale:

Martina Quartararo Irene Marturana, Giuseppe Gulino (per la conquista del titolo regionale di Karate, Luigi Costa (Campione federale xc nel 2016 e 2017 crosscountry MTB) Elga Ferlita ed Emanuele Ciancimino (Campioni regionali del grand tour Sicilia di MTB) , Giuseppe Provenzano (Campione regionale master 70) nel disco e nel pentatlon lanci) e Antonino Armenio (campione regionale tennis).

Il premio sportivo dell’anno è andato a Emanuele Macaluso per essersi distinto come pilota in alcune importanti competizioni motociclistiche, vincitore dell’edizione 2015, di una delle più prestigiose ed impegnative gare di Regolarità d’Europa, la “20.000 Pieghe”, gara che ha vinto anche nel 2016, nella classifica a squadre ed affermandosi ancora una volta come primo assoluto nell’edizione della 20.000Pieghe del 2017, come pilota ufficiale della squadra Honda.

Il premio alla carriera è andato a Francesco Sferra per una carriera vissuta all’insegna della passione del judo prima come atleta poi come tecnico e dirigente nell’assoluto rispetto dei valori dello sport.

Il premio giornalismo sportivo è andato a Enzo Minio con la seguente motivazione:

per aver contribuito a promuovere e diffondere, attraverso la sua attività giornalistica la cultura dello sport.

All’interno della manifestazione “Uomini & Sport Libertas” anche la premiazione della quarta gara di preselezione per il campionato nazionale di Bench-Rest (tiri con carabine ad aria compressa da seduto con cannocchiale a 25 metri) 2017-2018. Tre le categorie di concorrenti in gara: springer, pcp-pca, diottra. I migliori risultati sono stati quelli della categoria Springer 1° posto Lillo Lino con 217.1/250 carabina HW 50, della categoria Unlimited A: 1° posto Accursio Vitabile 229.3 carabina Crichet e della categoria Diottra: 1°posto Mario Tavormina con 157.1/160; con FWB 500.

Seguono nella classifica: per la categoria Springer: al secondo posto, 214.1 Giovanni Corsentino con HW 977, terzo Sebastiano Raeli 209 con HW 77, quarto Enzo Tramuta Enzo 206.1 HW 977, quinto Pier Giuseppe Leo 177 con HW 77K, sesto Giuseppe Leo 173.1 HW 77K, settimo Giovanni Gulino 161 HW 977.
Per la categoria Unlimited A il secondo posto se lo aggiudica con 222.3 Donato Gulino, terzo Pietro Bosciglio 207 con carabina LG 400.

Anche la premiazione del Bench-Rest, nella sala convegni del comune di Ribera, ha visto la presenza del presidente della Centro Sportivo Provinciale “Libertas” Amabile Bonafede, dell’assessore comunale allo sport Francesco Montalbano, del giornalista sportivo Enzo Minio e del presidente del poligono Air-Fire Maurizio Lino.

 



Lascia un commento