LONGEVITA’ Landi, La Torre, Longo, Lucidi e Malvaldi la scienza che studia come rimanere giovani

La ricerca di base, la clinica, l’esperienza di campo, l’attenzione alle storie di vita. Questo l’approccio al tema multidimensionale della longevità che sarà oggetto di un webinar che la Scuola dello Sport ha in programma per il prossimo 14 luglio.

A discuterne un panel di relatori di assoluto valore.

In apertura, il regalo di uno scienziato e grande scrittore di successo, che racconta in modo brillante e scanzonato una vecchiaia acuta, che si alimenta grazie alla socialità e ad una curiosità a tratti morbosa. Marco Malvaldi e i suoi vecchietti del BarLume ci aiuteranno a comprendere la rappresentazione sociale della grande età.

Avremo poi la presenza di Francesco Landi, che unisce l’esperienza clinica come Primario di Riabilitazione geriatrica al Policlinico Gemelli alla partecipazione come Consigliere di amministrazione di Sport e Salute.

L’esperienza di campo e di studio del Direttore Tecnico delle Nazionali di Atletica Leggera Antonio La Torre saranno lo spunto per ribadire l’importanza dell’attività fisica e sportiva per la promozione di un benessere attivo “longlasting”.

Fabio Lucidi, Preside della Facoltà di Medicina e Psicologia alla “Sapienza” concentrerà la propria attenzione sulle opportunità per promuovere la salute e il benessere psicologico e il funzionamento cognitivo lungo il corso della vita attraverso modelli che riconoscono e valorizzano le risorse dell’invecchiamento e gli stili di vita attivi.

Infine, abbiamo il grande privilegio di avere con noi Valter Longo (University of Southern California, Los Angeles), biogerontologo e biologo cellulare, noto anche al grande pubblico per le sue ricerche sul ruolo dei geni e del digiuno nella prevenzione delle malattie legate all’invecchiamento. Di grande interesse la sua prospettiva che ribalta l’approccio gerontologico a favore di una scienza che spiega come rimanere giovani, grazie anche a strategie alimentari che promuovono effetti protettivi e rigeneranti.

QUI per iscriverti



Lascia un commento