Libertas Porcia, undici ori ai Nazionali di atletica Libertas

Undici volte sul primo gradino del podio. Una delegazione pordenonese così agguerrita, come quella che ha partecipato a Pistoia ai Campionati italiani Libertas di atletica leggera, non si vedeva da tempo. Merito, senza dubbio, del grande lavoro che le società del Friuli Occidentale – Libertas Casarsa, Porcia e Sanvitese O. Durigon – stanno svolgendo, ormai da tempo, a livello giovanile. Per undici volte i loro alfieri si sono tinti d’oro. Il bottino conquistato in Toscana parla anche di sei medaglie d’argento e cinque bronzi. Come dire: nonostante il gran caldo, dal punto di vista agonistico non è mancato proprio niente. Sugli scudi la Libertas Porcia, che per l’occasione è stata accompagnata a Pistoia dal presidente Adolfo Molinari e Roy Praturlon. Primi posti per Manuel Rizzo (600 metri), Cristina Colussi (100 ostacoli), Alice Bellomo (triplo, nella foto), Beatrice Cristante (disco) e Mattia Rizzo (3000 metri Master, nella foto). Argento per Manuel Rizzo (50 ostacoli) e Beatrice Cristante (peso), mentre Aurora Del Rizzo e Veronica Pagnucco, rispettivamente nei 2000 e nell’alto, hanno conquistato il bronzo. La Sanvitese, seguita in trasferta dal direttore sportivo Riccardo Muccin, si è fatta bella con il doppio oro di Vanessa Ros (disco e peso) e con i primi posti di Matteo De Lorenzi (vortex) e Ginevra Cimarosti (2000 metri). Piazza d’onore per Tommaso Mattiuzzi (800), Jimmy Atewanger (alto), Rebecca Prodani (1000) e per la staffetta “svedese” del quartetto formato da Ingegnoli, Picci, Perin e Cimarosti. Bronzo infine per Lucrezia Picci negli 80 ostacoli. La Libertas Porcia, accompagnata da Rudi Trost, ha festeggiato l’oro nei Master di Fabio Battiston (3000) oltre a due bronzi nei 600 e nel vortex. Una trasferta che ha regalato grandi soddisfazioni, quindi, ai tre sodalizi del Friuli Occidentale. Al rientro da Pistoia, il presidente regionale e quello provinciale Libertas, Lorenzo Cella ed Ivo Neri, si sono congratulati per i brillanti risultati ottenuti.



Lascia un commento