Le parole di Vincenzo Nibali per il primo Memorial Rosario Costa

Rosario Costa ha perso la vita a 14 anni in un incidente stradale durante un allenamento in bici. Qualcosa che non si può nè spiegare nè accettare ma si può ricordare. E’ con questo intento che la Libertas organizza quest’anno il Campionato Regionale Sicilia di Ciclismo su strada a Messina, come primo Memorial Rosario Costa, sostenuta in questa iniziativa dall’Asd Nibali in cui correva Rosario.

Ed è proprio Vincenzo Nibali che questa mattina ci ha raccontato di questo evento, spiegandone le motivazioni e le finalità. La scelta di ricordare insieme la tragica scomparsa di un ragazzo, vuol dire dare un segnale forte come sportivi e come persone. Significa ricordare non solo alla famiglia di Rosario ma a tutti, che lo sport è passione, impegno e sostegno. Per questo la Asd Nibali si è impegnata con noi a rendere la partecipazione gratuita, ci ha detto Nibali, per poter dare a tutti la possibilità di partecipare. Dopo la gara amatoriale, anche gli atleti della Asd Nibali  correranno su un circuito di Km 6 a giro da ripetere più volte sulla Via Nuova Panoramica dello Stretto , partecipando ai campionati.

Vincenzo Nibali ha ricordato l’importanza di sensibilizzare l’opinione pubblica per aprire una riflessione sulla sicurezza stradale, sul rispetto di semplici regole di opportunità. Purtroppo le piste ciclabili non risolvono il problema degli allenamenti che prevedono una velocità differente, proprio per questo è fondamentale l’attenzione e la cautela.

A Nibali abbiamo chiesto una battuta sul ruolo dello sport come veicolo di benessere sociale:

“Lo sport non mette semplicemente i ragazzi nella condizione di uscire di casa e di mettersi alla prova come persone, ma offre anche l’opportunità di cambiare modo di pensare, di aprirsi ad altri posti e culture, di viaggiare e di comprendere i propri limiti e le proprie potenzialità”



Lascia un commento