Decreto d’agosto le novità per lo sport

Ci sono notizie interessanti per il settore sportivo nel Decreto Legge cosiddetto “Agosto”, approvato dal Consiglio dei Ministri e in attesa di essere pubblicato in gazzetta Ufficiale.

L’art. 11:  estende al mese di giugno 2020 l’indennità di 600 euro per i collaboratori sportivi. L’indennità sarà erogata direttamente da Sport e Salute  ( tetto massimo 90 milioni di euro per il 2020).  Anche per l’indeenità di giugno è necessario avereun contratto di lavoro attivo alla data del 23 febbraio 2020. La ratio infatti è che il contratto si stato interrotto  a causa dell’emergenza epidemiologica provocando una perdita, sospensione o diminuzione della attività lavorativa.

Le società sportive professionistiche e delle società o associazioni dilettantistiche sono invece interessate da una seconda misura introdotta con l’art. 80.

Art. 80: nuovo credito di imposta denominato “Credito di imposta per investimenti pubblicitari in favore di leghe e società sportive professionistiche e di società e associazioni sportive dilettantistiche”. Per gli investimenti pubblicitari e sponsorizzazioni, in favore ASD e SSD  a decorrere dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2020 e per un importo minimo di 10.000 euro, “è riconosciuto un contributo, sotto forma di credito d’imposta, da utilizzarsi esclusivamente in compensazione, pari al 50% degli investimenti effettuati da imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.”

Quali sono le condizioni per accedere?

Le società e associazioni sportive dilettantistiche devono essere iscritte al registro CONI, operare in discipline ammesse ai Giochi Olimpici,  svolgere attività sportiva giovanili certificate, aver realizzato in Italia, nell’anno d’imposta 2019, ricavi per un importo compreso tra 200 mila euro e 15 milioni di euro e non aver aderito al regime di cui alla Legge n. 398 del 16 dicembre 1991.

Il contributo spetta solo, e solo se  i pagamenti sono stati ffettuati con versamento bancario, postale o con altri sistemi di pagamento diversi dal contante.

Modalità e criteri,  documentazione richiesta, controlli così come le modalità finalizzate ad assicurare il rispetto della dotazione finanziaria, stanziata nella bozza di DL in euro 90 milioni, saranno definite in seguito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.

 



Lascia un commento