Il Forum del Terzo Settore incontra il ministro Di Maio

Il Terzo settore sta crescendo ovunque e sta crescendo anche al Sud. Auspico che la sfida possa essere rafforzata sempre di più, soprattutto nelle aree depresse del Sud, in una logica di lavoro comune tra Terzo settore e governo”.

Così il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Di Maio, ha esordito a Roma all’Assemblea nazionale del Terzo Settore svoltasi il 2 ottobre 2018 a Roma.

Ad accoglierlo, la Portavoce del Forum, Claudia Fiaschi:

Siamo una delle colonne portanti di questo Paese, contiamo quasi 340 mila realtà di volontariato, associazionismo, impresa sociale che, quotidianamente, impegnano oltre 5 milioni di cittadini e danno lavoro a quasi 800 mila persone. Un variegato mondo che ogni giorno fornisce risposte concrete alle diverse questioni sociali dell’Italia. Siamo un pezzo imprescindibile del welfare di comunità. Per questo meritiamo attenzione, ma anche azioni concrete”.

Stando a quanto annunciato dal vicepremier, gli impegni che il governo è pronto a inserire nella prossima legge di Bilancio consistono nell‘inserimento dei professionisti nelle attività delle associazioni del Terzo settore e nella estensione dei soggetti che hanno il diritto alle deduzioni per il finanziamento delle attività, allargando la platea dei destinatari delle erogazioni liberali. Di Maio ha anche espresso la disponibilità ad avviare un tavolo per l’esame delle altre richieste del Forum e ha ipotizzato una revisione dell’imposta di registro per i contratti di appalto tra gli Enti del Terzo settore ed enti pubblici.

Il Ministro ha aggiunto che nella legge di Bilancio che il governo sta per presentare in Parlamento al centro ci sono “le tante sofferenze dei cittadini di questo Paese, sofferenze che per tanto tempo sono state demandate a quello che voi fate. Io credo che ci voglia una maggiore presenza dello Stato”. Dopo aver ricordato che “nello scorso decennio il mondo del volontariato ha registrato una crescita superiore a quella di ogni altro comparto italiano”.



Lascia un commento