Basket, grande successo per la Libertas Trieste al Basketball Wien 2017

Si chiude con successo l’esperienza della Libertas Trieste al Torneo Europeo Basketball Wien 2017, competizione che ha avuto luogo dal 10 al 15 aprile, a cui hanno preso parte ben 475 squadre provenienti da 23 nazioni.

La Libertas ha schierato due squadre nella categoria U12, raggruppamento che ha registrato la partecipazione di 53 gruppi di Austria, Germania, Belgio, Repubblica Ceca, Bosnia, Ungheria, Polonia, Lituania ed Italia.

Il primo team triestino ha ottenuto un ottimo risultato, affrontando nel girone due squadre non irresistibili, una belga ed una tedesca, entrambe superate senza particolari difficoltà. Non altrettanto fortunati gli altri due incroci, con una squadra ungherese ed un’altra tedesca, entrambe ben preparate dal punto di vista tecnico e fisico. Il team triestino si è dovuto arrendere, anche a causa della stanchezza accumulata, di fronte ai tedeschi, con un punteggio di 50 a 39. Seppur sconfitti, però, sono riusciti a limitare i danni, ottenendo l’ammissione ai play-off a 24 come migliore terza degli 11 gironi e terminando la competizione con un 13° posto su 53.

Nel sorteggio la sorte è stata avversa, invece, alla seconda squadra triestina che, in un girone molto più competitivo, ha terminato le sue 4 partite senza alcun successo, pur esprimendo un ottimo gioco ed evitando sconfitte pesanti.

“Ci avrei messo la firma prima di partire da Trieste” – commenta il coach Daniele Bassi“ma poi l’appetito vien mangiando e un 9° posto sarebbe stato alla nostra portata. Più di così certamente no perché avremmo incontrato i Bees Pesaro, italiani che hanno stravinto il torneo con una squadra fantastica che ha “rullato” tutti, compresi dei bravissimi Lituani nella finalissima”.

Al netto di tutto è stata grande la soddisfazione per i 17 giovani atleti e per lo staff tecnico, ben supportato anche dall’aiuto allenatrice Selene Sossi Gleria. Un’esperienza, quella in terra austriaca, che permette di guardare al futuro con grande entusiasmo.

Print Friendly


Lascia un commento